Spesso ci si trova a leggere termini ed unità di misura che, se non correttamente interpretati, possono portare a errori o incomprensioni.

Watt: il watt (W) è un’unità di potenza ed il suo multiplo, il Kilowatt ( 1 Kilowatt = 1000Watt) è spesso usato nell’ambito di uso quotidiano. Quando acquistiamo una lampadina spesso leggiamo i termini 15 watt, 20 watt etc… e sappiamo che comprare una lampada da 20 watt ci permette di avere più luminosità nell’ambiente rispetto ad una lampada da 15 watt. In termini pratici è la velocità con cui l’energia prodotta o dissipata. Quindi un “oggetto” elettronico di potenza più alta offre più lavoro per unità di tempo e quindi più prestazioni.

Wattora: il Wattora (Wh) è una unità di misura di energia, anche in questo caso il suo multiplo Kilowattora (KWh) è diventato di uso quotidiano ad esempio nei consumi della bolletta della luce. Il Kilowattora corrisponde all’energia sviluppata dalla potenza di 1000 Watt per un ora.

Quindi quando compriamo una lampadina da 15 watt e la teniamo accesa per un ora di fila abbiamo avuto un consumo di 15wattora, se compriamo una lampadina da 20 watt e la teniamo accesa invece per mezzora consecutivi abbiamo avuto un consumo di 10wattora.
Un altro esempio che possiamo fare è quello di un aspirapolvere a batteria. Se il mio aspirapolvere ha una potenza di 1000 Watt riesce ad aspirare con più forza rispetto ad un aspirapolvere da 500 Watt, in quanto riesce a produrre un lavoro istantaneo più elevato. Se io utilizzo per un ora di fila un aspirapolvere da 1000 Watt ho consumato 1000Wattora (1KWh) mentre se utilizzo un aspirapolvere da 500Watt per mezzora di fila ho consumato 500Wattora ( 0.5KWh)
Possiamo quindi anche dire che la potenza (Watt) è la forza con cui possiamo fare un lavoro, mentre il wattora indica per quanto tempo facciamo quel lavoro a quella potenza.

Nell’ambito del fotovoltaico spesso si trova un altro termine che è la potenza di picco o cosiddetto KWp. questa unità è sempre una unità di potenza (Watt) ma esprime la massima potenza istantanea erogata da una cella fotovoltaica o da un pannello fotovoltaico in determinate condizioni standard. Questa unità di misura si è resa necessaria in quanto le condizioni di produzione di energia elettrica di un pannello fotovoltaico dipendono da moltissime condizioni (temperatura, nuvolosità, posizione del sole …), Questa unità ci permette di confrontare l’efficienza di pannelli o impianti diversi[ la potenza di picco, o potenza nominale di un impianto fotovoltaico è la potenza elettrica massima che l’impianto fv è in grado di produrre nelle condizioni standard di temperatura 25 °C e radiazione solare incidente di 1000 Watt/m2 ]. Anche per questo caso il chilowatt picco (kWp) non va confuso con il kilowattora (kWp), che è invece l’unità di misura dell’energia elettrica fornita in 1 ora dalla potenza di 1 kWp.

Nell’ambito delle auto elettriche il kWh viene utilizzato per misurare la capienza della batteria mentre il kW per la potenza delle stazioni di ricarica. Se facciamo una analogia idraulica il kW corrisponde alla portata di un condotto mentre il kWh al serbatoio dove si sta portando l’acqua. Per esempio, una macchina con una batteria da 50kWh, caricandola a 25kW ci vorrebbero 50/25 = 2 ore, a 12kW circa 4 ore, a 5kW circa 10 ore.

Fotovoltaico: Differenza tra Watt e Wattora
Tag:                                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *